Serie A, 11ª giornata: l’MVP è Dario Hunt

Grazie a una valutazione di 38 e ad una prestazione a 360°, il centro della Germani Basket Brescia è il nostro MVP dell’undicesimo turno di Legabasket Serie A.

10 vittorie e una sola sconfitta. Peggior scarto negativo subito da Venezia in queste prime undici giornate. Pioggia di record – singoli e di squadra – in una vittoria che accende ancor più gli animi dei tifosi. Sono questi i risultati ottenuti da Brescia in questa undicesima tornata di Serie A, che vede la Leonessa mantenersi a +4 sulle prime inseguitrici (Milano e Avellino a quota 16 punti) e ottenere un altro scalpo importante per rispondere subito alla sconfitta di settimana scorsa maturata contro la Dinamo Sassari. Sono questi i risultati di una squadra incredibile, simbolo della programmazione e dell’attesa ragionata e finalizzata al costruire qualcosa di importante su più anni: potrebbe sembrare una previsione fin troppo azzardata, ma la squadra di coach Diana sembra avere tutto per arrivare a giocarsi anche i trofei italici di stagione.

Condizione che è maturata grazie anche al devastante rendimento di Dario Hunt, centro classe 1989 perfettamente inseritosi nei meccanismi di Vitali e compagni, capace di dominare la sfida contro i veneziani grazie a 22 punti (10/11 al tiro), 9 rimbalzi, 3 stoppate e altrettanti recuperi in 35 minuti sul parquet. Un Hunt capace anche di stravincere il duello tra pari-ruolo, relegando Watt (uno dei migliori lunghi della scorsa stagione, passata a Caserta) a recitare il ruolo di semplice comparsa in un atto scenico in cui Brescia è spaventosamente bella. I dieci canestri realizzati corrispondono al career-high per il centro bresciano, il quale si issa anche al primo posto nella classifica per valutazione media con 20.8, scavalcando Culpepper grazie ai 38 punti di valutazione messi a referto proprio contro i campioni d’Italia in carica. Numeri spaventosi, ma che forse non rendono poi nemmeno così tanto giustizia a un giocatore che si sta rivelando fondamentale in entrambe le fasi del gioco e che punta decisamente a confermarsi come uno dei migliori interpreti del ruolo in Italia: atletismo, esplosività, verticalità, grande timing in fase di roll, enormi miglioramenti nelle letture offensive rispetto alle prime stagioni passate nel Bel Paese (impressionanti le due partenze in palleggio concluse con altrettanti canestri).

Menzione d’onore, inevitabile, anche per Lee Moore, autore di una prova personale da 28 punti, 5 rimbalzi e 6 assist e capace di riscrivere ben quattro career-highs nella massima serie italiana. Inevitabile citare anche la guardia classe 1995, non fosse altro per il fatto che Moore è semplicemente dominante e capace di rompere il sostanziale equilibrio che aveva caratterizzato la contesa dopo una partenza bruciante dei veneti. Se anche il numero due biancoblu dovesse cominciare ad inanellare prestazioni costanti e ad alto rendimento, per Brescia si aggiungerebbe un’opzione offensiva molto importante, capace di togliere pressioni a quelli che sono stati, finora, i principali terminali offensivi di una squadra che, comunque, ha sempre fatto della coralità il suo maggior punto di forza.

Non ce ne vogliano i tifosi delle altre squadre, sempre – e giustamente – pronti a far notare come l’MVP di giornata debba essere un altro giocatore rispetto a quello scelto in questa rubrica, ma è inevitabile evidenziare due cose. La palma di MVP, per definizione, viene assegnata tramite una variabilità di criteri che differisce da sport a sport; nel singolo evento, però, ci si riferisce solitamente al “giocatore della partita” ed è chiaro allora che, come accade per l’EuroLeague, tale giocatore debba appartenere alla squadra che esce vincitrice dal singolo match. Ecco perché, finora, le nostre scelte hanno premiato giocatori appartenenti a squadre che, in quel turno, avevano trovato la vittoria.

Vuoi ottenere il vostro molto proprio Maglie Calcio Poco Prezzo? Oltre al capo ciaomagliecalcio.com ora!
Quindi, diamo uno sguardo ai dettagli.

This entry was posted in Maglie Calcio and tagged , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *