Milan, Donnarumma in lacrime dopo la contestazione: Bonucci lo rincuora

Milan, Donnarumma in lacrime dopo la contestazione: Bonucci lo rincuora

Striscione pesante della curva milanista contro il portiere dopo le ultime notizie di mercato: «Ora vattene, la pazienza è finita». Insulti anche al fratello Antonio

MILANO – Fischi e insulti a San Siro per Gianluigi Donnarumma prima della sfida di Coppa Italia fra Milan e Verona“Violenza morale 6 milioni all’anno e l’ingaggio di un fratello parassita? Ora vattene la pazienza è finita!”, ha contestato con uno striscione la curva rossonera, che assieme allo scarno pubblico ha fischiato il nome del portiere e lo ha insultato durante il riscaldamento, che Donnarumma ha concluso poco prima dei compagni. I fischi e la contestazione dopo l’indiscrezione circolata nelle ultime ore sulla presunta intenzione di Mino Raiola, agente del giocatore, di annullare il rinnovo con il Milan. Le immagini Rai hanno poi inquadrato Leonardo Bonucci mentre rincuorava Donnarumma, in lacrime.

Vuoi ottenere il vostro molto proprio Maglie Calcio Poco Prezzo? Oltre al capo ciaomagliecalcio.com ora!
Quindi, diamo uno sguardo ai dettagli.

Posted in Maglie Calcio | Tagged , | Leave a comment

Pallone d’oro, maglie, video e foto: la carriera di Paolo Rossi in mostra

Fino all'8 gennaio 2018 Vicenza ospiterà una mostra con i cimeli di Paolo Rossi

VICENZA – E’ uno dei grandi campioni del calcio nazionale e internazionale. Ma Paolo Rossi per Vicenza è qualcosa di più. E’ la bandiera che guidò il Lanerossi fino allo storico secondo posto in serie A nel campionato 1977-78.

La città è rimasta sempre nel cuore di Pablito, tanto da essere stata scelta tra le 18 tappe della “Paolo Rossi Great italian emotions”, mostra itinerante promossa dalla sua stessa fondazione per far rivivere a sportivi e appassionati di calcio la vittoria dei Mondiali del 1982. Dal 16 dicembre al l’8 gennaio 2018 a palazzo Cordellina di contra’ Riale si potranno vedere cimeli come il Pallone d’oro e la Scarpa d’oro, ma anche fotografie, articoli, video, oggetti, maglie e ricordi dei protagonisti del trionfo di Spagna ’82, come Enzo Bearzot, Sandro Pertini, Antonio Cabrini e Marco Tardelli. Attesa pure la Coppa del mondo messa a disposizione dalla Figc.

ll tour ha già toccato Prato, Sirmione, Senigallia, Cesenatico, Montevarchi, Gaiole in Chianti e si appresta a fermarsi a Roma, Perugia, Firenze, Bruxelles Torino. Ma si tratta di un working in progress, nel senso che gli organizzatori stanno definendo nuove tappe. L’obiettivo è trasformare la mostra in un evento mondiale destinato a concludersi nel 2020 con l’inaugurazione di un museo permanente. Tra le mete c’è New York.

L’esposizione resterà aperta a ingresso libero tutti i giorni dalle 10 alle 18, eccetto il 25 dicembre e l’1 gennaio. «Vicenza è la mia seconda casa – commenta Rossi – Ci sono arrivato a vent’anni ed è rimasta nel mio cuore. Qui è iniziata la mia fortuna, grazie a un mix straordinario tra squadra, società, tifosi e città. Tutti nel mondo continuano a identificarmi con Vicenza e io ne sono felice. Per questo motivo tenevo tantissimo a fare qui una delle tappe della mostra».

Vuoi ottenere il vostro molto proprio Maglie Calcio Poco Prezzo? Oltre al capo ciaomagliecalcio.com ora!
Quindi, diamo uno sguardo ai dettagli.

Posted in Maglie Calcio | Tagged , | Leave a comment

Effetto Neymar, la sua maglia all’asta per salvare un piccolo club dal fallimento

Mic

L’ex allenatore del Montpellier, Michel Mézy, ha deciso di mettere all’asta undici maglie della sua collezione, tra cui quella autografata di Neymar, per salvare un piccolo club francese dal fallimento

Undici magliette per salvare un club, un’asta benefica per raccogliere fondi e permettere alla società Emulation Sportive du Grau du Roi di continuare a partecipare al proprio campionato. E’ questa la lodevole iniziativa di Michel Mézy, ex allenatore del Montpellier, che ha deciso di donare undici maglie da gioco della sua collezione personale per reperire i fondi necessari per salvare il piccolo club francese dalla liquidazione. Tra i preziosi cimeli anche la maglia autografata di Neymar, preziosissima per tutti i collezionisti del mondo. Proprio il giocatore brasiliano, passato dal Barcellona al Psg nell’ultima finestra di mercato, potrebbe contribuire indirettamente a salvare l’Emulation Sportive du Grau du Roi, spingendo i suoi fan a fare follie per la sua maglietta. La cifra da raccogliere per salvare il club dal fallimento si aggira intorno ai 20.000 euro, un gruzzoletto niente male che Michel Mézy proverà a racimolare mettendo all’asta le maglie indossate da Griezmann, Zidane, Fekir, Depay, Payet, Thauvin e altre stelle della Ligue 1.

Lo stipendio di Neymar

L’acquisto più caro nella storia del calcio meritava anche un ingaggio spaventoso: Neymar ha iniziato il 2017 con i “soli” 15 milioni di euro che guadagnava al Barcellona ma con il suo passaggio record (222 milioni) al Paris Saint Germain ha ottenuto un nuovo contratto a cifre raddoppiate. Sono 30 i milioni netti che la squadra francese paga al brasiliano, una cifra che non sembra abbiano gradito molto i suoi nuovi compagni di squadra vista l’abissale differenza tra il brasiliano e i suoi compagni di squadra. Sia chiaro, non che Cavani, Verratti & co. facciano fatica ad arrivare a fine mese, ma l’ingaggio di Neymar resta inavvicinabile (almeno per ora). Uno stipendio che gli vale il terzo posto assoluto nella classifica dei calciatori più pagati al mondo, una graduatoria che vede al comando Leo Messi, seguito dal connazionale Carlos Tevez.

Vuoi ottenere il vostro molto proprio Maglie Calcio Poco Prezzo? Oltre al capo ciaomagliecalcio.com ora!
Quindi, diamo uno sguardo ai dettagli.

 

Posted in Maglie Calcio | Tagged , | Leave a comment

Barcellona, Nike torna all’antico: la seconda maglia 2018-2019 sarà gialla

anticipazioni seconda maglia Barcellona 2018-2019

Non siamo ancora arrivati al giro di boa di questa annata sportiva, ma come da tradizione iniziano a circolare in questo periodo le prime anticipazioni sulle caratteristiche delle maglie che saranno indossate dai principali club nella stagione 2018-2019. La curiosità tra appassionati e collezionisti è sempre particolarmente forte. A fornire i dettagli è il sito Footyheadlines.com, sempre particolarmente aggiornato.

Pochi giorni fa erano state diffuse le prime immagini sulla prima maglia del Barcellona, ora invece possiamo avere un’idea più precisa della seconda divisa, quella che sarà utilizzata prevalentemente nelle gare in trasferta.

A realizzare il kit sarà ovviamente ancora Nike, da tempo sponsor tecnico del club catalano, che ha deciso di puntare su uno dei colori più apprezzati dai tifosi blaugrana: il giallo lime. Non si sa invece ancora molto sulla tonalità prescelta per gli inserti, oltre che per sponsor, numeri e nomi dei giocatori.

Barcellona, come sarà la seconda maglia 2018-2019

Non si tratta comunque di una tonalità inedita nella storia del Barcellona. Anche nella stagione 2005-2006, annata poi terminata con la conquista della Champions League, Ronaldinho e compagni sono spesso scesi in campo con una casacca gialla. Il colore è stato poi riproposto nella terza maglia 2014-2015.

Il Barcellona in giallo nella stagione 201-2015

A livello tecnico, invece, il brand americano dovrebbe puntare sul modello Aeroswift, pensato per favorire la massimo la traspirazione dei giocatori che la indossano. Per l’ufficializzazione della seconda maglia 2018-2019 del Barcellona sarà però necessario attendere con ogni probabilità il mese di luglio 2018.

Vuoi ottenere il vostro molto proprio Maglie Calcio Poco Prezzo? Oltre al capo ciaomagliecalcio.com ora!
Quindi, diamo uno sguardo ai dettagli.

 

Posted in Maglie Calcio | Tagged , , | Leave a comment

De Col: “Questa è la mia miglior stagione in maglia bianca”

“Rispetto al passato mi sento importante e più consapevole dei miei mezzi e questo lo devo al mister ed al Club; avanti una gara alla volta, cercando di chiudere il 2017 nel migliore dei modi”

Alla ripresa dei lavori in casa Spezia Calcio, Filippo De Col analizza così il momento dei suoi in vista del match di Vercelli: “Sabato offerta una prova importante sotto l’aspetto del sacrificio, magari non siamo stati brillanti come in altre occasioni, ma era fondamentale vincere e così è stato contro una squadra che in trasferta gioca sempre un calcio propositivo.

Anche in altre gare abbiamo dimostrato di saper soffrire e portare a casa l’intera posta in palio, ripenso alla sfida con il Bari, e ritengo che ciò sia davvero determinante in un campionato lungo e tirato come la Serie B; obiettivo chiaro, vogliamo raggiungere i 50 punti il prima possibile, ma al momento pensiamo ad una partita alla volta, cercando di cogliere il massimo nelle ultime tre gare del 2017.

Quando riusciremo a raccogliere in trasferta quello che già raccogliamo in casa, potremo pensare a fare qualcosa in più; a Vercelli troveremo una squadra ostica che lotta per la salvezza e che ci ha sempre fatto sudare, ma noi dovremo scendere in campo con la giusta mentalità, cercando di sbloccarci anche lontano dal “Picco”.

Rispetto al passato mi sento importante e più consapevole dei miei mezzi e questo lo devo al Club ed al mister e sono davvero orgoglioso di essere ad un passo dalle cento presenze in maglia bianca; per ora è la mia miglior stagione in riva al Golfo dei Poeti, ovvio che il mio sogno è la Serie A e mi fa piacere ci sia attenzione nei miei confronti, ma ora penso solo al match con la Pro Vercelli.

La forza di questa squadra? Il gruppo eccezionale che ha creato mister Gallo, di gran lunga il migliore visto in tutti questi anni”

Vuoi ottenere il vostro molto proprio Maglie Calcio Poco Prezzo? Oltre al capo ciaomagliecalcio.com ora!
Quindi, diamo uno sguardo ai dettagli.

Posted in Maglie Calcio | Tagged , | Leave a comment

In cerca di sale di preghiera in terra cristiana

La sinagoga che è diventata una moschea e un caso politico è in Rue Saint Dominique, nel primo arrondissement, pieno centro di Marsiglia, a due passi dalla stazione di Saint-Charles, la più grande della città, a quattro dalla cartolina del Vieux Port. Il palazzo, anonimo, potrebbe essere qualsiasi cosa. A far intuire l’esistenza di una moschea è la scritta “Associazione islamica al Badr”. Il giovedì non si vede nessuno ed è più animato il negozio dirimpetto che vende abiti islamici e fidget spinner, il gioco del momento. Ma il venerdì, giorno della preghiera islamica, è tutto un via vai di uomini e bambini vestiti a festa, in abiti bianchi elegantissimi.

 

Tra i venti-trentenni la “divisa” è quella della squadra di calcio locale, l’Olympique Marsiglia, con la variante delle maglie delle Nazionali di calcio del Maghreb, Algeria e Marocco, soprattutto. Il cancello aperto lascia intravedere i lavori in corso, e un soffitto da cui pendono una serie di cavi che paiono infiniti. Ha aperto poco più di un anno fa, ma è ancora un cantiere. La gente entra ed esce continuamente, si saluta in modo caloroso talvolta sguaiato. La moschea di Al Badr è vista da molti musulmani come un diritto, il giusto premio a una comunità enorme a Marsiglia che finora si è dovuta arrangiare per le proprie preghiere in sale di fortuna. Ma per altri, ultracattolici ed ebrei intransigenti in primis, la moschea di Al Badr è l’inizio di una colonizzazione, di un’invasione.

 

Al Badr è un’associazione musulmana nata nel 2009 a Marsiglia per una serie di scopi nobili: organizzazione di viaggi nei luoghi sacri dell’Islam, corsi per analfabeti, attività sociali, solidali e ricreative. Ma chi non li vede di buon occhio punta il dito su una attività dell’associazione che non viene spesso reclamizzata da chi la sostiene: Al Badr raccoglie fondi per comprare chiese e sinagoghe nel sud della Francia e allo stesso tempo allaccia contatti per trovare venditori. Finora la moschea di Rue Saint-Dominique è l’unico acquisto: lì c’era la sinagoga Or Torah.

 

Ma il rabbino che l’ha venduta, per 400 mila euro, non si è pentito. Zvi Ammar, presidente del Concistoro israelita di Marsiglia, ricorda che ormai gli ebrei che vivevano nei pressi della sinagoga si sono tutti spostati in altri quartieri della città: «La sinagoga era vuota da anni e bisogna fare i conti con i cambiamenti sociali. Gli ebrei a Marsiglia sono circa 70mila, i musulmani oltre 220mila. Nel ghetto la sinagoga è sempre piena, qui non aveva più ragione d’essere. Siamo passati da cento persone a preghiera negli anni Settanta a meno di venti persone per lo Shabbat».

 

Gli uomini fuori dalla sinagoga diventata moschea non amano parlare degli scopi dell’associazione. A un primo approccio sono tutti affiliati, vicini all’imam. Ma appena il discorso vira sulle mire espansionistiche di Al Badr, nessuno sa nulla. Ahmed, con addosso la maglia dell’ex idolo del calcio locale André-Pierre Gignac, sogna «una moschea scintillante, costruita da zero, senza un passato ingombrante. Ma dalle mie parti si dice che quello che hai è spesso più di quel che meriti».

 

L’amico Omar, algerino, giovane, sfrontato e in cerca di occupazione, sostiene Al Badr pur ripetendo più volte di non conoscerne bene i meccanismi: «I musulmani aumentano in Francia, è normale aumentare il numero di moschee. E il problema a quanto ne so non sono preti e rabbini che non vogliono vendere, ma è la raccolta dei soldi. Non mi stupirei se nel giro di quattro-cinque anni le chiese e le sinagoghe convertite in moschee diventassero cinque o dieci nella sola Costa Azzurra. Ma non è una guerra di posizione, sia chiaro, è semplicemente il mondo che cambia».

Vuoi ottenere il vostro molto proprio Maglie Calcio Poco Prezzo? Oltre al capo ciaomagliecalcio.com ora!
Quindi, diamo uno sguardo ai dettagli.

Posted in Maglie Calcio | Tagged , | Leave a comment

Francesco Saviozzi: “La tripletta, con la maglia della Cairese, ha un sapore tutto particolare”

Saviozzi  Cairese

Cairo Montenotte. “Quando sono lì, in campo, il gol non è né un pensiero leggero, né un’ossessione: semplicemente, è il mio mestiere” affermò in una intervista il ‘Principe’ Diego Milito.

Mestiere che sa fare molto bene anche Francesco Saviozzi, attaccante della Cairese, autore della tripletta, che unita alla rete di Diego Alessi,  ha consentito a Spozio e compagni di vincere sul terreno della Voltrese.

“Quando militavo nel Pallare,avevo segnato una tripletta (ndr, alla Baia Alassio), ma questa ha un sapore particolare, perché l’ho realizzata con la squadra del mio paese e per noi di Cairo, giocare con la maglia giallo blù, è un qualcosa che va al di là di una semplice partita di calcio”.

La società Cairese, Giribone in primis, crede molto in te…
“Sono orgoglioso, forse perché sono un giocatore che dà il 101%, per questa maglia”.

 Sei già arrivato in doppia cifra, realizzando 10 reti, non c’è che dire...
“Un bottino di reti, che mi rende felice, ringrazio molto quel grande giocatore e compagno di reparto che è Diego Alessi, attaccante di grande esperienza, che mi aiuta molto ed è prodigo di consigli; tra di noi non esiste invidia e tra l’altro, il reparto offensivo della Cairese non finisce certo con noi… ci sono infatti altri elementi di grande spessore, come Di Martino e Canaparo”.

Mister Matteo Solari, secondo tutti gli addetti ai lavori, è il valore aggiunto della squadra…
“Solari è un allenatore molto preparato e competente, aiutato dal fatto di aver giocato a livello professionistico, per molto tempo; è un trainer, che sa trasmettere , come pochi, le sue idee di calcio, è tosto ed abile nel tenere tutti sulla corda”.

Ci vuoi parlare dello staff, che lavora in sintonia con mister Solari?

“Sono un gruppo di persone fantastiche, a cominciare da Maurizio Ferro, Andrea Formica, Matteo Lecquio, Giorgio Caviglia, Carmelo Pastore, il dott. Manlio Venturino, che lavorano per il bene della Cairese; è fondamentale che la Cairese sia dei cairesi”.

Il gioco del calcio è l’argomento, ma il goal è la chiave che apre tutte le porte e Francesco Saviozzi, lo ha capito molto bene.

Vuoi ottenere il vostro molto proprio Maglie Calcio Poco Prezzo? Oltre al capo ciaomagliecalcio.com ora!
Quindi, diamo uno sguardo ai dettagli.

Posted in Maglie Calcio | Tagged , | Leave a comment

Calcio, tutti i portieri che hanno segnato un gol in Serie A: Alberto Brignoli nella storia. Sentimenti IV il pioniere, Taibi l’ultimo

pallone-calcio-2.jpg

Alberto Brignoli ha realizzato un gol storico per il Benevento: il portiere dei giallorossi è stato il protagonista della rete del 2-2 contro il Milan che ha consegnato ai campani il primo punto in Serie A. Il 26enne è diventato così il quinto portiere di sempre capace di segnare nel massimo campionato italiano di calcio, il terzo se consideriamo soltanto le trasformazioni su azione.

L’ultimo era stato Massimo Taibi che il 1° aprile 2001 regalò alla Reggina il pareggio contro l’Udinese. Il primo estremo difensore a trovare la via del gol su azione fu Michelangelo Rampulla (Atalanta-Cremonese nel 1992, lui giocava per i grigiorossi). Bisogna invece tornare indietro di decenni per trovare i pionieri: il mitologico Lucidio Sentimenti (Sentimenti IV negli annali) che trasformò cinque calci di rigore tra il 1940 e il 1959 con le maglie di Modena, Juventus e Lazio. Dopo di lui arrivò Antonio Rigamonti (tre gol dal dischetto con la casacca del Como dal 1973 al 1976).

Vuoi ottenere il vostro molto proprio Maglie Calcio Poco Prezzo? Oltre al capo ciaomagliecalcio.com ora!
Quindi, diamo uno sguardo ai dettagli.

Posted in Maglie Calcio | Tagged , , | Leave a comment

Milano, calcio e bambini: un piano per «educare» i genitori

Gianpiero Boniperti diceva: «Vincere è l’unica cosa che conta». E poco importa che la partita si giochi su un campo dell’oratorio in periferia o a San Siro. Ma ci sono cose ancora più determinanti della vittoria: la correttezza in campo e sugli spalti, il rispetto dell’avversario, la sana competizione. Valori che a parole tanti genitori di baby calciatori condividono, per poi scordarsene non appena mettono piede a bordo campo e trasformarsi in ultrà fuori controllo. Le cronache sono piene di partite sospese e penalizzazioni per zuffe tra i genitori di tifoserie opposte. E le mamme sono spesso le prime a provocare, con insulti, magliette e striscioni di sfottò. Per prevenire gli eccessi, il Csi (Centro sportivo italiano), che conta a Milano circa mille squadre di atleti under 15, ha introdotto due iniziative senza precedenti, da fine ottobre, per le partite della categoria «Big small» (grandi piccoli), che include i nati nel 2010 e nel 2011. La prima è il riscaldamento condiviso delle due squadre, mischiate tra loro, con entrambi gli allenatori.

La seconda è la «chiama» dei genitori. «Gesti semplici che cambiano la partita — racconta Massimo Achini, presidente del Csi —. Durante il riscaldamento i bambini si conoscono per nome e numero di maglia e non sono più solo avversari da marcare. La chiama dei genitori, fa sì che anche loro si incontrino da vicino, scambino qualche parola. E di fronte ai figli e all’arbitro leggono un testo che varia ogni mese e che con cui si impegnano a lasciarli divertire senza interferire. Questo rasserena gli animi e fa passare la voglia di insultare». Al progetto partecipano 87 squadre tra Milano e Monza. L’idea è di estendere questi due momenti a tutte le squadre giovanili. «Siamo convinti che dell’importanza di educare i ragazzi non solo a parole ma in modo molto concreto». A riscaldamento e chiama seguirà a breve un’altra novità: dalla settimana prossima le squadre di categoria superiore, 9-10 anni, saranno coinvolte nella «partita dell’accoglienza». «Andata e ritorno, la squadra ospite accoglierà gli avversari il giorno prima. I bambini resteranno a dormire insieme in oratorio oppure ospiti delle famiglie. Così si creeranno nuovi legami e le partite dei piccoli diventeranno quello che devono essere. Occasioni di amicizia».Una visione condivisa dagli allenatori. «Riscaldandosi insieme, i bambini scendono in campo senza ansie e antipatie» spiega Erik Huaman del Sant’Ambrogio Seregno.

Vuoi ottenere il vostro molto proprio Maglie Calcio Poco Prezzo? Oltre al capo ciaomagliecalcio.com ora!
Quindi, diamo uno sguardo ai dettagli.

Posted in Maglie Calcio | Tagged , | Leave a comment

CALCIO BIDONE 2017, QUATTRO INTERISTI CANDIDATI TRA CUI GABIGOL

Gabigol Inter

Sono stati resi noti i nomi dei giocatori che si contenderanno il ‘Calcio Bidone’ 2017: ben quattro gli interisti, presente anche Bacca.

Come ogni anno è arrivato il momento del ‘Calcio Bidone‘, premio assegnato da ‘Fantagazzetta’ in collaborazione con ‘Guerin Sportivo’ e ‘Delinquenti prestati al mondo del pallone’: si tratta di un riconoscimento riservato al giocatore che maggiormente ha deluso le aspettative durante la scorsa stagione di Serie A.

L’ultima edizione venne conquistata dall’ex interista Geoffrey Kondogbia, premiato per la disastrosa annata 2015/2016, nettamente al di sotto delle attese nonostante i 30 e passa milioni sborsati dall’Inter per strapparlo al Monaco.

Così come in quella circostanza, anche quest’anno sono quattro i giocatori dell’Inter (alcuni ora sono ex) a contendersi la vittoria finale: si tratta di Joao MarioMurillo (ora al Valencia), Banega (ceduto in estate al Siviglia) e Gabigol, attualmente al Benfica e grande candidato per aggiudicarsi la palma poco ambita di miglior bidone.

Completano il quadro l’ex milanista Bacca, gli ex romanisti Iturbe (vincitore dell’edizione 2015) e VermaelenPalettaMaksimovic e Posavec, autore di una stagione caratterizzata da diversi errori con la maglia del Palermo.

Primatista di vittorie di questo premio è un altro ex interista, Ricardo Quaresma, vittorioso nelle edizioni 2009 e 2010.

 

Posted in Maglie Calcio | Tagged , | Leave a comment